Villa Pellegrino
Nel sole, nel sale, nel sud...
    Home        Chi siamo        Nei dintorni        Utilities        Contatti 
 Nei dintorni
Nei dintorni >> Mazara del Vallo

Mazara del Vallo  è un comune a venti km da Marsala, affacciato sul Mar  Mediterraneo, alla foce del fiume Mazaro e distante meno di 200 km dalle coste tunisine del nord Africa.

Il vecchio "centro storico", un tempo racchiuso dentro le Mura normanne, include numerose chiese monumentali, alcune risalenti all'XI Secolo, e un quartiere a impianto urbanistico islamico tipico delle "medine", chiamato Casbah, di cui le viuzze strette sono una sorta di marchio di fabbrica.

Le attività economiche che lo contraddistinguono principalmente sono la pesca, l'agricoltura e l'industria cantieristica e alimentare, in particolare quella del pesce. Mazara del Vallo è uno dei più importanti e noti porti pescherecci italiani, base di armamento di una flotta di circa 350 grandi motopescherecci d'altura (con circa 4.000 pescatori imbarcati), che rientrano ogni 20-30 giorni dalle grandi battute di pesca.

A Mazara risiedono, spesso con le famiglie, circa 3.000 immigrati, provenienti in larga parte dal Maghreb, impiegati da oltre 25 anni nelle attività pescherecce, agricole e artigianali della città. Essi risiedono principalmente nel centro storico cittadino di matrice araba.

Mazara è altresì salita alla ribalta delle cronache nel marzo 1988, quando un peschereccio locale, comandato dal capitano Francesco Adragna, ha recuperato, a circa 480 metri di profondità nelle acque del Canale di Sicilia, una scultura bronzea di oltre 2 metri, risalente al periodo ellenistico, conosciuta con il nome di Satiro danzante. La statua, dopo essere stata restaurata è esposta a Mazara nella Chiesa di Sant'Egidio.

Mazara del Vallo è sede di numerosi luoghi di interesse storico, che rievocano le diverse influenze culturali che ne hanno caratterizzato la storia.

La Basilica Cattedrale sorse in epoca normanna, al posto di una precedente moschea per volere di Ruggero I, in seguito alla creazione nel 1093 della diocesi. Venne ricostruita completamente alla fine del XVII Secolo in forme barocche, per opera di Don Pietro Castro. All'interno si conserva il gruppo statuario rappresentante la Trasfigurazione di Antonello Gagini.


La Chiesa di San Nicolò Regale del 1124 e la Chiesa della Madonna delle Giummare dell'XI secolo, entrambe di chiara matrice arabo-normanna.
 
L'Arco Normanno, che è ciò che resta dell'antico castello normanno che sorgeva nel centro storico della città.

Piazza della Repubblica, la principale piazza cittadina sulla quale si affacciano, oltre alla Basilica Cattedrale, il Palazzo Vescovile del XVI secolo e il Palazzo del Seminario vescovile, del 1710.

Il Museo diocesano, inaugurato nel 1993 in occasione del nono centenario della fondazione della diocesi, raccoglie il ricco patrimonio di argenti della cattedrale.
 


          
 Villa Pellegrino - Contrada Ciancio, 478 Marsala - C.F. PLLPRS62R09E974Q - Privacy - Note legali
Powered by Logos Engineering - Lexun ®
25/07/2017