Villa Pellegrino
Nel sole, nel sale, nel sud...
    Home        Chi siamo        Nei dintorni        Utilities        Contatti 
 Nei dintorni
Nei dintorni >> Marsala

 

Terra leggendaria, sorge su Capo Boeo e lega il suo nome al vino che ne porta il nome, oltre alla storia dell'unità d'Italia che da qui Garibaldi avviò dopo lo sbarco dell'11 maggio 1860.

Fare due passi nel Cassero o un'escursione fuori dalle storiche Porte, dà l'idea delle risorse e delle bellezze di Marsala, la quinta città della Sicilia per popolazione, con più di 90 mila abitanti.

Si scopre così una città mediterranea e moderna, che si divide tra mare e terra: anzi, la sua stessa storia è un rincorrersi di entrambi, prima di trovare nel vino la naturale sintesi.

I Fenici giunsero dal mare, per insediarsi nella vicina isola di Mozia, la perla archeologica nella laguna dello Stagnone distrutta nel 307 a.C.. I superstiti si trasferirono sulla terraferma, fondando Lilybeo, poi passata sotto la dominazione romana. Ancora dal mare arrivarono i pirati arabi (VIII secolo) che ribattezzarono la città  Marsa Allah,  porto di Allah, da cui ha origine l'attuale nome. Quindi è la volta di Normanni, Svevi, Angioini che fanno di Marsala un fiorente centro agricolo: nascono feudi, si diffondono le colture di cereali.

L'arrivo degli Spagnoli (1575) segna il declino delle attività legate al mare, con la chiusura del porto.
Il mare ridiventa protagonista della storia della città quando l'industriale inglese John Woodhouse spedisce un carico di vino a Liverpool: è il 1773, l'anno di nascita del vino marsala. Nel nome di questo nobile doc, mare e terra si ritrovano in un felice connubio a tutto vantaggio dell'economia della città che comincia ad attirare uomini d'affari.

Per primi sono gli inglesi Ingham e Whitaker; poi arriva la famiglia Florio. Siamo nel 1883: il marsala diventa una storia italiana, suggellata - una trentina d'anni più tardi - dall'impresa dei Mille garibaldini cui si uniscono i picciotti siciliani.

Bagnata dal mare delle Egadi e ombreggiata dal monte Erice, guarda a Segesta da un lato e a Selinunte dall'altro. Un week-end o una settimana, ogni periodo e buono per venire a Marsala in macchina o in aereo, con i vicini aeroporti di Trapani e Palermo.

Per velisti e appassionati del mare, poi, un porto turistico con oltre duecento posti barca.

Numerosi gli appuntamenti culturali, unici i reperti archeologici esposti nei musei, limpido il mare dove sventola anche quest'anno la bandiera blu. poi le tradizioni popolari, da riscoprire; la buona cucina, custode di antiche ricette; i vini da tavola bianchi e rossi, sempre più apprezzati nelle rassegne internazionali.

Si possono degustare - assieme a marsala, moscati, passiti e alle altre tipicità culinarie - lungo gli itinerari della "Strada del Vino Terre d'Occidente" dove si incontrano cantine, wine bar, enoteche, laboratori artigianali, ristoranti: i sapori e i profumi di Marsala, città... doc, vi attendono.

Il centro storico di Marsala conserva numerose testimonianze della storia della città e passeggiando lungo le basole, osservate il Quartiere Spagnolo, che fu sede militare delle truppe iberiche; lo splendido Palazzo VII Aprile, ove praticamente nacque l'insurrezione che portò all'Unità d'Italia; ancora gli splendidi palazzi nobiliari dell'800 che tanto lustro diedero alla città.

Sempre sul lungomare cittadino, vi è l'ingresso dell'insula archeologica di Capo Boeo dove è possibile visitare i resti ed i mosaici di quella che era una fastosa villa romana: da visitare assolutamente il Museo della Nave Punica, al Baglio Anselmi, con l'unica testimonianza di nave esistente al mondo. Porta Nuova ad ovest e Porta Garibaldi a sud, sono i monumentali ingressi nel centro storico. Gli edifici ed i monumenti di maggiore interesse sono: Il Convento del Carmine (sede dell'Ente Mostra di Pittura), il Complesso monumentale S. Pietro, all'interno del quale si trova anche il Museo Civico (con la sezione antica, risorgimentale, e tradizioni popolari) ed il Museo Garibaldino, ricchissimo di testimonianze sull'Eroe dei due Mondi; ancora da ammirare la Chiesa Madre e l'adiacente Museo degli Arazzi Fiamminghi del XVI secolo.


          
 Villa Pellegrino - Contrada Ciancio, 478 Marsala - C.F. PLLPRS62R09E974Q - Privacy - Note legali
Powered by Logos Engineering - Lexun ®
22/11/2017